Rivitalizzare le zone rurali tramite infrastrutture ricreative

I partner del progetto Rivitalizzare le zone rurali hanno sistemato dei percorsi tematici Ciglione carsico, rinnovato le vie di arrampicata, modificato la grafica dei pannelli informativi, realizzato una mappa dei percorsi tematici e svolto numerose attività promozionali per un turismo sostenibile.

Nel progetto GAL Istria, Rivitalizzare le zone rurali, cofinanziato dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L’Europa investe nelle zone rurali, il Comune Città di Capodistria, il Comune di Ancarano, il Comune di Isola e la Rete ciclistica del Litorale hanno unito le forze e compiuto un passo importante verso lo sviluppo del turismo ricreativo sostenibile nelle zone rurali del Ciglione carsico. 

Il 24 novembre si è tenuta una conferenza stampa presso il Palazzo Pretorio, durante la quale i partner del progetto hanno presentato i risultati ottenuti finora e hanno annunciato il proseguimento del progetto nel prossimo anno. Secondo il presidente del GAL Istria Andrej Medved, questi progetti sono cruciali per la promozione del turismo nelle zone rurali dei comuni dell'Istria slovena con l'integrazione del patrimonio culturale e naturale e delle infrastrutture ricreative.

Foto: Jaka Ivančič

Come ha sottolineato Uroš Jelenovič, responsabile del progetto presso il Comune di Capodistria, il comune ha restaurato cinque percorsi tematici che erano in pessime condizioni e ha ripulito la vegetazione che in alcuni punti addirittura ricopriva i percorsi pedonali. A causa dell’esposizione alle intemperie, anche le grafiche dei pannelli informativi lungo il percorso sono sbiadite, per cui nei prossimi giorni verranno sostituite. “Poiché l’offerta turistica in questa zona è rappresentata anche da numerose aree naturali di arrampicata come Ospo, San Sergio e Mišja peč, abbiamo rinnovato altre 80 vie di arrampicata", ha aggiunto.

Nel frattempo, il comune di Ancarano ha coordinato le attività per l’ampliamento dei collegamenti ciclabili sulla strada statale che passa per il comune e in collaborazione con il Comune Città di Capodistria, ha avviato l’iniziativa per il miglioramento dei collegamenti transfrontalieri e intercomunali esistenti presso il Ministero delle infrastrutture. Di seguito, il responsabile del progetto presso il comune di Ancarano, il dott. Danijel Starman ha affermato che al fine di garantire un’adeguata protezione del parco naturale di Punta Grossa, è già in atto il monitoraggio sull’attuazione delle misure di protezione in ambito di tutela ambientale della zona. 

Foto: Neža Hervatič

Secondo il coordinatore del progetto presso la Rete ciclistica del Litorale, Bojan Žižek, l’associazione ha preparato le linee guida e gli standard per i fornitori di alloggi e servizi per ciclisti a misura dei ciclisti e ha istituito un punto di consulenza a disposizione dei fornitori anche in futuro. Nell’ambito del progetto, l’associazione in collaborazione con il Centro di coordinamento nazionale EuroVelo Slovenia ha preparato un progetto per la promozione dei fornitori 2021-2025, che è legato al piano a lungo termine per lo sviluppo dei fornitori di prodotti per il cicloturismo internazionale - percorsi ciclabili europei EuroVelo.

Nell’ambito del progetto, i partner hanno integrato l’attuazione della Maratona ciclistica istriana con vari contenuti e hanno anche organizzato un’escursione in bicicletta nell'Istria slovena. Al fine di promuovere le zone rurali istriane e le sue infrastrutture ricreative, sono state realizzate fotografie e contributi audiovisivi e informati i visitatori sull’offerta disponibile tramite mappe dei percorsi tematici per escursionisti, ciclisti e percorsi equestri. 

Arrampicata, foto: Jaka Ivančič

L’obiettivo a lungo termine del progetto è lo sviluppo sostenibile del turismo ricreativo nelle zone rurali del Ciglione carsico; perciò, il progetto proseguirà anche nel 2022, quando il comune di Capodistria, risistemerà altri cinque sentieri escursionistici e 70 vie di arrampicata. Parallelamente verranno svolte varie attività promozionali con l’intento di avvicinare al pubblico diverse forme di ricreazione e tempo libero attivo nella natura. Verrà inoltre preparata anche una bozza di progetto per instaurare un sistema di gestione sostenibile dell’area del Ciglione carsico.

Il valore del progetto, che verrà completato nel 2023, ammonta a 214.873,20 euro, di cui 145.322,80 euro finanziati dal Fondo europeo agricolo.

Fonte: Comunicato stampa dei partner del Gal Istria